Monitoraggi 2008

 

PRIMAVERA

Nella primavera del 2008 sono stati ripetuti dalla LIPU per conto del Parco del Beigua due conteggi dei rapaci migratori sulle colline di Arenzano (44° 25' 23" N - 8° 40' 53" E), nel territorio del Parco sovrapposto alla Zona di Protezione Speciale “Beigua-Turchino” per conseguire dati aggiornati sul fenomeno della migrazione di alcune specie dell’All. I della Dir. “Uccelli” che qualificano il sito, verificandone la consistenza quantitativa, con particolare riferimento alle due specie target Biancone Circaetus gallicus e Falco pecchiaiolo Pernis apivorus.
Per il Biancone, la durata del periodo di campionamento (16 giorni dal 10 al 26 marzo compresi) è rimasta inalterata dal 2007, essendo centrata sulle date medie di massimo passaggio del Biancone, emerse dai risultati degli anni 1984-1994 e successivi.
Il monitoraggio delle popolazioni di biancone in migrazione pre-riproduttiva nel 2008 ha prodotto risultati straordinari dal punto di vista numerico: 1977 individui, infatti, sono stati conteggiati dalle postazioni fisse ubicate sui primi rilievi di Arenzano (indice di transito orario = 15,4).
Tale risultato è da mettere ragionevolmente in relazione con le condizioni meteorologiche che si sono determinate a ridosso del normale periodo di picco; esse sono state particolarmente favorevoli sia all’avvistamento e quindi al conteggio sia alla concentrazione degli individui migranti con spostamenti di massa con oltre 700 bianconi in un solo giorno. Per dare un’idea, nel monitoraggio di sedici giorni del 2004 furono avvistati 770 individui, nel 2006 674 e nel 2007 918: tuttavia nel 2005 si ottenne uno score di questo ordine di grandezza, quando ben 1564 furono infatti i bianconi conteggiati quell’anno. Pur nelle attese fluttuazioni numeriche annuali prodotte da una serie di fattori influenti sul campionamento, lo straordinario numero complessivo introduce ulteriori spunti di approfondimento intorno a questa primaria linea di passo che conduce varie centinaia di bianconi in Italia attraverso la Liguria occidentale e, soprattutto, di valutazione della consistenza stessa della popolazione di Biancone nidificante nel territorio nazionale.
Per il Falco pecchiaiolo, la durata del monitoraggio del 2008 (10 giorni dal 9 al 18 maggio compresi) è stata mantenuta inalterata rispetto al 2006, e disposta attorno alle date medie di massimo passaggio del Falco pecchiaiolo. Sulla base delle osservazioni degli anni precedenti, per la fenologia particolarmente compressa della migrazione pre-riproduttiva della specie, è ipotizzabile che un conteggio centrato nella seconda decade del mese di maggio, periodo di massimo passaggio, possa restituire un campione sufficientemente rappresentativo delle popolazioni in transito nel sito: circa 2100 sono stati i falchi pecchiaioli osservati, in misura del 90% di tutti i rapaci in migrazione del periodo (indice di transito = 30,2).
Si ringraziano tutti gli intervenuti a vario titolo ed in particolare Carla Rapetti e Rosangela Pedemonte per la loro fattiva partecipazione alle osservazioni.

 

AUTUNNO

Nell’autunno del 2008 è stato eseguito dalla LIPU il monitoraggio delle popolazioni del Biancone e delle altre specie di rapaci diurni in migrazione post-nuziale sui monti di Arenzano. E’ stata così garantita la continuità del monitoraggio, avviato nel 2000, della migrazione di alcune specie dell’All. I della Dir. “Uccelli” che qualificano il sito, con particolare riferimento alla specie target Biancone Circaetus gallicus, mediante l’acquisizione di dati aggiornati.
Per il nono anno consecutivo, infatti, questa verifica periodica è stata eseguita nel medesimo periodo campione (15-26 settembre), fissato attorno alle date medie di massimo passaggio di questa specie, ma con un’estensione di 10 giorni fino a tutto il 6 ottobre: il monitoraggio di 22 giorni ha consentito di conteggiare 1267 rapaci dei quali 1051 bianconi (883 nel canonico periodo di riferimento di 12 giorni e ben 326 il 22 settembre), pari a circa l’83% di tutto il rilevato. Complessivamente sono stati segnalati 13 taxa, di cui 10 sono specie elencate nell’All. I della Direttiva Uccelli, oltre alla Cicogna nera Ciconia nigra.
Il numero di individui conteggiati nel 2007 si discosta positivamente di quasi il 30% dalla dimensione del campione finora ottenuto (mediana2004-2005-2006-2007 = 689 indd.) nel periodo breve; l’indice di transito orario per l’intero periodo è pari a 6,35 indd/h (9,29 indd/h dal 15 al 26 settembre).
Fenologicamente è da sottolineare in modo particolare il numero, ancora molto elevato (ben 69 soggetti e terza specie per il quarto anno consecutivo in ordine di abbondanza dopo il Biancone e Falco di palude), di aquile minori Hieraaetus pennatus osservate.
Degno di nota è l’avvistamento di due individui di Aquila anatraia minore Aquila pomarina il 20 settembre e uno di Albanella reale Circus cyaneus il 1 ottobre.
L’azione s’inserisce tra le attività di monitoraggio afferenti il Centro Ornitologico e di E.A. di Casa Vaccà del Parco del Beigua.
Si ringraziano tutti gli intervenuti a vario titolo nel periodo ed in particolare Alberto Cosso, Graziano Lovato e Luca Ravizza e per la fattiva partecipazione alle osservazioni.